bilanci

posted in: epiphanies | 0

Oggi sulla mia bacheca di facebook è apparso lo stato di una persona che non conosco, ma è amico di amici che lo hanno commentato/likato/condiviso/bimbambum. Lo stato era una lista che iniziava con “sono 10 anni che lavoro e il risultato è che:” seguito da una serie di traguardi-nontraguardi che lo portava a concludere con il post con “ma quindi, chi me lo fa fare? Obiettivamente, chi me lo fa fare?“.

Ecco, ho pensato che devo annotarmelo da qualche parte, per ricordarmi che attualmente la mia lista è molto diversa. E perché, come dice lo stesso autore, molte voci della lista dipendevano da sue scelte.

Proprio oggi ho una giornata storta, credo che sia per colpa di sveglie rimandate troppo a lungo e attese superiori ai 10 min alla fermata del bus; quindi è il momento ottimo per fare la mia lista e ricordarmi che invece di lamentarmi ed essere fastidiosa, dovrei darmi una pacca sulla spalla e dirmi “good job!

Sono 5 anni che lavoro e il risultato è che:

– Ho 29 anni
– Ho qualche risparmio da parte
– Posso permettermi una casa in affitto, ma forse anche di comprarne una
– Ho lavorato e vissuto per un breve periodo all’estero
– Sono sposata
– Non ho dei figli, ma ho qualcuno con cui farli
– Ho una macchina che continua funzionare nonostante la veneranda età
– Esco con gli amici almeno una volta alla settimana, e il mio lavoro non me lo impedisce
– Andando al lavoro (con l’autobus che arriva in ritardo di cui sopra) posso leggere e non preoccuparmi del traffico
– Il mio lavoro mi permette di imparare cose nuove
– Le persone con cui condivido l’ufficio sono anche mie amiche
– Mi interessa quello di cui mi occupo in ufficio
– Posso gestire il mio tempo al lavoro in totale autonomia (che è un bene e un male, ma almeno so che dipende da me)
– Lavoro in una città bellissima
– Posso permettermi di tornare a casa e stendermi mezz’ora in divano a oziare

Per non fare la sdolcinata mi sono limitata ad elencare solo le cose che centrano direttamente con il lavoro, senza considerare gli altri aspetti della mia vita (che centrano molto con il punto 5).